200 fattori di posizionamento Google 2020: la lista completa

Potresti già sapere che Google utilizza oltre 200 fattori di posizionamento nel loro algoritmo …

Ma quali cavolo sono?

Bene, preparati a scoprirli perché in questo articolo troverai la lista completa

Alcuni sono stati dimostrati

Alcuni sono controversi

Altri sono speculazioni SEO fatte da nerd del settore

Ma sono tutti qui. e questa è la lista aggiornata al 2020

Fattori di dominio

1. Età del dominio: in un video, Matt Cutts di Google afferma che:

“La differenza tra un dominio che ha sei mesi e un anno non è poi così grande.”

In altre parole prendono in considerazione l’età del dominio ma non è così importante.

2. La parola chiave appare nel dominio di primo livello: avere una parola chiave nel tuo nome di dominio non ti dà la spinta SEO di una volta. Ma è ancora un segnale rilevante.

3. Parola chiave come prima parola nel dominio: un dominio che inizia con la parola chiave di destinazione ha un vantaggio rispetto ai siti che non dispongono di tale parola chiave nel loro dominio (o hanno la parola chiave nel mezzo o alla fine del loro dominio).

4. Scadenza prevista del dominio: un brevetto di Google afferma:

“I domini di valore (autorevoli) vengono spesso pagati con diversi anni di anticipo, mentre i domini usa e getta (poco autorevoli) raramente vengono utilizzati per più di un anno. Pertanto, la data in cui un dominio scadrà in futuro può essere utilizzata come fattore per stabilire l’autorità di un dominio. “

5. Parola chiave nel sottodominio: il gruppo di esperti di Moz concorda sul fatto che una parola chiave che appare nel sottodominio può aumentare le classifiche.

6. Cronologia del dominio: un sito con proprietà volatile o diversi rilasci può dire a Google di “ripristinare” la cronologia del sito, annullando i link che puntavano al dominio. Oppure, in alcuni casi, un dominio penalizzato può trasferire la sanzione al nuovo proprietario.

7. Dominio di corrispondenza esatta: i domini di corrispondenza esatta (Exact Match Domain) possono comunque dare un leggero vantaggio. Ma se il tuo EMD sembra essere un sito di bassa qualità, è vulnerabile all’aggiornamento EMD.

posizionamento google

8. WhoIs pubblico o privato: le informazioni WhoIs (chi è) private possono essere un segno di “qualcosa da nascondere”. Matt Cutts di Google ha affermato:

“… Quando ho controllato gli whois su di loro, tutti avevano il ” whois servizio di protezione della privacy ” attivo. È relativamente insolito. … L’attivazione della privacy di whois non è automaticamente negativa, ma una volta messi insieme molti di questi fattori, stai spesso parlando di un tipo di webmaster molto diverso rispetto al collega che ha solo un singolo sito. “

9. Proprietario WhoIs penalizzato: se Google identifica una determinata persona come spammer, ha senso che verifichino altri siti di proprietà di quella persona.

10. Estensione TLD per Paese: disporre di un dominio di primo livello con codice Paese (.it, .fr, .ca) può aiutare il ranking del sito per quel particolare paese… ma può limitare la capacità del sito di posizionarsi a livello globale.

Fattori a livello di pagina

11. Parola chiave nel tag del titolo: sebbene non sia importante come una volta, il tag del titolo rimane un segnale SEO on-page importante.

posizionamento google

12. Il titolo inizia con la parola chiave: Secondo Moz, i titoli che iniziano con una parola chiave tendono a funzionare meglio dei titoli con la parola chiave verso la fine.

13. Parola chiave nel tag descrizione: Google non utilizza il tag meta description come segnale di ranking diretto. Tuttavia, su google il tag di descrizione può influire sulla percentuale di clic, che è un fattore di posizionamento chiave.

14. La parola chiave appare nel tag H1: i tag H1 sono un “tag secondo titolo”. Insieme al tag del titolo, Google utilizza il tag H1 come segnale di pertinenza secondario, in base ai risultati di uno studio di correlazione:

posizionamento google

15. TF-IDF: un modo fantasioso di dire: “Quanto spesso una determinata parola appare in un documento?”. Più spesso quella parola appare su una pagina, più è probabile che la pagina riguardi quella parola. Google probabilmente utilizza una versione sofisticata di TF-IDF.

16. Lunghezza del contenuto: il contenuto con più parole può coprire una larghezza più ampia e sono probabilmente preferibili dall’algoritmo rispetto agli articoli più corti e superficiali. In effetti, uno studio recente sul settore dei fattori di posizionamento di google ha scoperto che la lunghezza del contenuto era correlata alla posizione nella SERP.

posizionamento google

17. Sommario: l’utilizzo di un sommario collegato può aiutare Google a comprendere meglio il contenuto della tua pagina. Può anche generare i sitelink:

posizionamento google

18. Densità delle parole chiave: sebbene non sia importante come una volta, Google può utilizzarla per determinare l’argomento di una pagina web. Ma esagerare può essere controproducente.

19. Parole chiave nel contenuto di indicizzazione semantica latente (LSI): le parole chiave LSI aiutano i motori di ricerca a estrarre il significato da parole che hanno più di un significato (ad esempio: Apple, la società di computer contro Apple, il frutto). La presenza / assenza di LSI probabilmente agisce anche come segnale di qualità del contenuto.

20. Parole chiave LSI nei tag titolo e descrizione: come per il contenuto della pagina web, le parole chiave LSI nei meta tag pagina probabilmente aiutano Google a distinguere tra parole con molteplici significati potenziali. Può anche fungere da segnale di pertinenza.

21. Approfondimento dell’argomento della pagina: esiste una correlazione nota tra la profondità della copertura dell’argomento e le classifiche di Google. Pertanto, le pagine che approfondiscono gli argomenti trattati hanno probabilmente un vantaggio rispetto alle pagine che coprono solo parzialmente un argomento.

posizionamento google

22. Velocità di caricamento della pagina tramite HTML: Sia Google che Bing utilizzano la velocità della pagina come fattore di posizionamento. Gli spider dei motori di ricerca possono stimare la velocità del tuo sito in modo abbastanza accurato in base al codice HTML della tua pagina.

23. Velocità di caricamento della pagina tramite Chrome: Google utilizza anche i dati utente di Chrome per ottenere una migliore gestione del tempo di caricamento di una pagina. In questo modo, possono misurare la velocità con cui una pagina viene effettivamente caricata dagli utenti.

24. Uso di AMP: sebbene non sia un fattore di ranking diretto di Google, AMP potrebbe essere un requisito per classificare nella versione mobile del Carousel di Google News.

25. Corrispondenza dell’entità: il contenuto di una pagina corrisponde all ‘”entità” che un utente sta cercando? In tal caso, quella pagina potrebbe ottenere un aumento del posizionamento google per quella parola chiave.

26. Google Hummingbird: questa “modifica dell’algoritmo” ha aiutato Google ad andare oltre le parole chiave. Grazie a Hummingbird, Google ora può comprendere meglio l’argomento di una pagina web.

27. Contenuti duplicati: i contenuti identici sullo stesso sito (anche leggermente modificati) possono influenzare negativamente la visibilità di un sito nel motore di ricerca.

28. Rel = Canonical: se usato correttamente, l’uso di questo tag può impedire a Google di penalizzare il tuo sito per contenuti duplicati.

29. Ottimizzazione delle immagini: le immagini inviano ai motori di ricerca importanti segnali di pertinenza attraverso il nome del file, il titolo, la descrizione e la didascalia.

30. aggiornamento dei contenuti: l’aggiornamento di Google Caffeine favorisce i contenuti pubblicati recentemente o aggiornati, in particolare per le ricerche sensibili al tempo. Evidenziando l’importanza di questo fattore, Google mostra la data dell’ultimo aggiornamento di una pagina per determinate pagine

31. Entità degli aggiornamenti dei contenuti: il significato delle modifiche e dei cambiamenti serve anche come fattore di freschezza. L’aggiunta o la rimozione di intere sezioni è più significativa che cambiare l’ordine di poche parole o correggere un errore di battitura.

32. Aggiornamenti storici della pagina: con quale frequenza la pagina è stata aggiornata nel tempo? Ogni giorno, ogni settimana, ogni 5 anni? Anche la frequenza degli aggiornamenti delle pagine ha un ruolo nella freschezza.

33. Prominenza delle parole chiave: la presenza di una parola chiave nelle prime 100 parole del contenuto di una pagina è correlata al posizionamento nella prima pagina di Google.

34. Parola chiave nei tag H2, H3: avere la tua parola chiave come sottovoce in formato H2 o H3 può essere un altro segnale di rilevanza anche se debole. In effetti, John Mueller di Google afferma:

“Questi tag di intestazione negli HTML ci aiutano a comprendere la struttura della pagina.”

35. Qualità dei link in uscita: molti SEO pensano che il collegamento a siti di autorità aiuti a inviare segnali di fiducia a Google. E questo è supportato da un recente studio di settore.

36. Tema dei link in uscita: Secondo The Hilltop Algorithm, Google potrebbe utilizzare il contenuto delle pagine a cui linki come segnale di pertinenza. Ad esempio, se hai una pagina sulle auto che si collega alle pagine relative ai film, questo potrebbe dire a Google che la tua pagina riguarda il film Cars, non l’automobile.

37. Grammatica e ortografia: grammatica e ortografia corrette sono un segnale di qualità, sebbene Cutts abbia restituito messaggi contrastanti qualche anno fa sull’importanza o meno di ciò.

38. Contenuto originale: il contenuto della pagina è originale? Se è molto simile o addirittura copiato da una pagina indicizzata, non si classificherà altrettanto … o potrebbe non essere affatto indicizzato.

39. Aggiornamento mobile-friendly: spesso denominato “Mobilegeddon”, questo aggiornamento ha premiato le pagine che erano state ottimizzate in modo adeguato per i dispositivi mobile.

40. Usabilità da dispositivo mobile: i siti web che gli utenti di dispositivi mobile possono utilizzare facilmente potrebbero avere un vantaggio nell’indicizzazione di Google.

41. Contenuti “nascosti” su dispositivi mobile: i contenuti nascosti sui dispositivi mobile potrebbero non essere indicizzati (o non essere pesati in modo eccessivo) rispetto ai contenuti completamente visibili. Tuttavia, un googler ha recentemente dichiarato che il contenuto nascosto è OK. Ma ha anche detto che nello stesso video, “… se si tratta di contenuto critico, dovrebbe essere visibile …”.

42. “Contenuti supplementari” utili: in base a un Documento sulle linee guida di Google ora pubblico, i contenuti supplementari utili sono un indicatore della qualità di una pagina (e quindi del ranking di Google). Esempi includono convertitori di valuta, calcolatori di interessi sui prestiti e ricette interattive.

43. Contenuto nascosto dietro le schede: gli utenti devono fare clic su una scheda per rivelare parte del contenuto della tua pagina? In tal caso, Google ha affermato che questo contenuto “potrebbe non essere indicizzato”.

44. Numero di link in uscita: troppi link dofollow in uscita possono far calare il PageRank, il che può danneggiare il posizionamento su google di quella pagina.

45. Multimedia: immagini, video e altri elementi multimediali possono fungere da segnale di qualità del contenuto. Ad esempio, uno studio di settore ha trovato una correlazione tra multimedia e posizionamento dei risultati su google:

posizionamento google

​​46. Numero di link interni che puntano a una pagina: il numero di link interni a una pagina indica la sua importanza rispetto ad altre pagine del sito (più link interni = più importante).

47. Qualità dei link interni che puntano alla pagina: i link interni da pagine autorevoli sul dominio hanno un effetto maggiore rispetto alle pagine con PageRank assente o basso.

48. Broken links: avere troppi broken links o link non funzionanti su una pagina può essere un segno di un sito trascurato o abbandonato. Il Documento sulle linee guida di Google Rater utilizza i link non funzionanti come uno dei fattori per valutare la qualità del sito

49. Livello di lettura: non c’è dubbio che Google stima il livello di lettura delle pagine web. In effetti, Google un tempo ti dava le statistiche sul livello di lettura:

posizionamento google

50. Link di affiliazione: i link di affiliazione stessi probabilmente non danneggeranno il tuo posizionamento su google. Ma se ne hai troppi, l’algoritmo potrebbe prestare maggiore attenzione ad altri segnali di qualità.

51. Errori HTML: molti errori HTML o di codice possono essere un segnale di un sito di scarsa qualità. Sebbene controversi, molti in SEO pensano che una pagina ben codificata sia utilizzata come segnale di qualità.

52. Domain authority: A parità di condizioni, una pagina su un dominio autorevole si posizionerà più in alto di una pagina su un dominio con meno autorità.

posizionamento google

53. PageRank della pagina: non perfettamente correlato. Ma le pagine con molta autorità tendono a superare le pagine con meno autorità.

54. Lunghezza dell’URL: URL eccessivamente lunghi possono danneggiare la visibilità di una pagina. In effetti, diversi studi del settore hanno scoperto che gli URL brevi tendono ad avere un leggero vantaggio nei risultati di ricerca di Google.

posizionamento google

55. Percorso dell’URL: una pagina più vicina alla home page può ottenere una leggera spinta di autorità rispetto alle pagine sepolte in profondità nell’architettura di un sito.

56. Redattori umani: sebbene mai confermato, Google ha depositato un brevetto per un sistema che consente agli editori umani di influenzare le SERP.

57. Categoria della pagina: la categoria in cui appare la pagina è un segnale di pertinenza. Una pagina che fa parte di una categoria strettamente correlata può ottenere un aumento di pertinenza rispetto a una pagina archiviata in una categoria non correlata.

58. Tag WordPress: i tag sono segnali di pertinenza specifici di WordPress. Secondo Yoast.com:

“L’unico modo in cui migliora il tuo SEO è quello di mettere in relazione un contenuto con un altro, e più specificamente un gruppo di post tra loro.”

59. Parola chiave nell’URL: un altro segnale di pertinenza. Un rappresentante di Google ha recentemente definito questo un “fattore di ranking molto piccolo”. Ma comunque è un fattore di posizionamento google.

60. Stringa URL: le categorie nella stringa URL sono lette da Google e possono fornire un segnale tematico a proposito di una pagina:

61. Riferimenti e fonti: citare riferimenti e fonti, come fanno gli articoli di ricerca, può essere un segno di qualità. Le Linee guida sulla qualità di Google affermano che i revisori dovrebbero tenere d’occhio le fonti quando guardano determinate pagine: “Questo è un argomento in cui l’esperienza e / o le fonti autorevoli sono importanti …”. Tuttavia, Google ha negato di utilizzare i link esterni come segnale di posizionamento.

62. Elenchi puntati ed elenchi numerati: elenchi puntati ed elenchi numerati aiutano a suddividere i contenuti per i lettori, rendendoli più facili da leggere. Google probabilmente è d’accordo e potrebbe preferire i contenuti con elenchi puntati e numerati.

63. Priorità della pagina nella Sitemap: la priorità che viene data a una pagina tramite il file sitemap.xml può influenzare la classifica.

64. Troppi link in uscita: direttamente dal suddetto documento di valutazione della qualità:

“Alcune pagine hanno molti, troppi link, che oscurano la pagina e distraggono dal contenuto principale.”

65. ranking per più parole chiave: se la pagina si classifica per diverse altre parole chiave, potrebbe dare a Google un segno interno di qualità. In effetti, il recente rapporto “Come funziona la ricerca” di Google afferma:

“Cerchiamo siti che molti utenti sembrano apprezzare per query simili”.

66. Età della pagina: sebbene Google preferisca contenuti nuovi, una pagina più vecchia che viene regolarmente aggiornata potrebbe essere migliore di una pagina più recente.

67. Layout intuitivo: citando ancora una volta il documento sulle linee guida sulla qualità di Google:

“Il layout su pagine di alta qualità rende immediatamente visibile il contenuto principale.”

68. Domini parcheggiati: un aggiornamento di Google del dicembre 2011 ha ridotto la visibilità della ricerca dei domini parcheggiati.

69. Contenuti utili: come sottolineato da Jared Carrizales, Google può distinguere tra contenuto di “qualità” e “utile”.

Fattori a livello di sito

70. I contenuti forniscono informazioni preziose e uniche: Google ha dichiarato di essere felice di penalizzare i siti che non apportano nulla di nuovo o utile alla community.

71. Pagina contatti: il suddetto documento sulla qualità di Google afferma che preferiscono i siti con una “quantità adeguata di informazioni di contatto”. Assicurati che le tue informazioni di contatto corrispondano alle tue informazioni WhoIs.

72. Domain Trust / TrustRank: molti SEO credono che il “TrustRank” sia un fattore di posizionamento di enorme importanza. E un brevetto di Google intitolato “posizionamento dei risultati di ricerca basato sulla fiducia”, sembra confermarlo.

73. Architettura del sito: un’architettura del sito ben organizzata (ad esempio una struttura a silos) aiuta Google a organizzare tematicamente i tuoi contenuti. Può anche aiutare i Googlebot ad accedere e indicizzare tutte le pagine del tuo sito.

74. Aggiornamenti del sito: molti SEO credono che gli aggiornamenti del sito web – specialmente quando vengono aggiunti nuovi contenuti al sito – funzionano da fattore di freschezza per il sito. Anche se Google ha recentemente negato di utilizzare la “frequenza di pubblicazione” nel loro algoritmo.

75. Presenza della Sitemap: una Sitemap consente ai motori di ricerca di indicizzare le tue pagine in modo più semplice e completo, migliorando la visibilità. Tuttavia, Google ha recentemente affermato che le sitemap HTML non sono “utili” per il SEO.

76. Sito offline: un sacco di downtime dovuti alla manutenzione del sito o a problemi del server possono danneggiare il tuo posizionamento su google (e possono anche comportare la deindicizzazione se non corretti).

77. Posizione del server: la posizione del server influenza la posizione del tuo sito nelle diverse aree geografiche. Particolarmente importante per le ricerche geo-specifiche.

78. Certificato SSL: Google ha confermato che utilizzano il certificato HTTPS come fattore di posizionamento.

79. Termini di servizio e pagina sulla privacy: queste due pagine aiutano a dire a Google che un sito è un membro affidabile di Internet. Possono anche aiutare a migliorare l’E-A-T del tuo sito.

80. Meta informazioni On-Site duplicate : le meta informazioni duplicate possono ridurre tutta la visibilità della tua pagina.

81. Breadcrumb Navigation: questo è uno stile di architettura del sito user-friendly che aiuta gli utenti (e i motori di ricerca) a sapere dove si trovano in un sito:

Google afferma che: “La ricerca Google utilizza il markup di breadcrumb nel corpo di una pagina Web per classificare le informazioni dalla pagina nei risultati di ricerca”.

82. Sito ottimizzato per dispositivi mobile: con oltre la metà di tutte le ricerche effettuate da dispositivi mobile, Google vuole che il tuo sito sia ottimizzato per gli utenti mobile. In effetti, Google ora penalizza i siti Web che non sono compatibili con i dispositivi mobile

83. YouTube: Non c’è dubbio che i video di YouTube ricevano un trattamento preferenziale nelle SERP (probabilmente perché è di proprietà di Google):

In effetti, Search Engine Land ha riscontrato che il traffico YouTube.com è aumentato in modo significativo dopo Google Panda.

84. Usabilità del sito: un sito difficile da usare o da navigare può danneggiare indirettamente le classifiche riducendo il tempo di permanenza sul sito, le pagine visualizzate e la frequenza di rimbalzo (in altre parole, i fattori di classificazione RankBrain).

85. Utilizzo di Google Analytics e Google Search Console: alcuni pensano che avere questi due programmi installati sul tuo sito possa migliorare l’indicizzazione della tua pagina. Possono anche influenzare direttamente le classifiche fornendo a Google più dati con cui lavorare (ad es. Frequenza di rimbalzo più accurata, indipendentemente dal fatto che tu ottenga o meno traffico di riferimento dai tuoi backlink, ecc.). Detto questo, Google ha negato questo e l’ha definito un mito.

86. Recensioni degli utenti / reputazione del sito: la reputazione di un sito su siti come Yelp.com probabilmente gioca un ruolo importante nell’algoritmo di Google.

Fattori di Backlink

87. Età del dominio da cui si riceve il link: i backlink provenienti da domini “anziani” possono essere più potenti dei nuovi domini.

88. Numero di domini che linkano il tuo sito: il numero di domini che ti linkano è uno dei fattori di posizionamento più importanti dell’algoritmo di Google, come puoi vedere da questo studio di settore su 1 milione di risultati di ricerca di Google.

89. Numero di link da IP diversi: i link da indirizzi IP diversi suggeriscono una più ampia gamma di siti collegati a te, il che può aiutare con il posizionamento delle tue pagine su google.

90. Numero di pagine linkate: il numero totale di pagine linkate, anche dello stesso dominio, ha un impatto sul posizionamento dei risultati su google.

91. Anchor Text del backlink: come indicato in questa descrizione dell’algoritmo originale di Google:

“Prima di ogni altra cosa, gli anchor text spesso forniscono descrizioni più accurate delle pagine web rispetto alle pagine stesse.”

Ovviamente, l’anchor text oggi è meno importante di prima (e, quando ottimizzato eccessivamente, funziona come segnale di spam). Ma un anchor text ricco di parole chiave invia comunque un forte segnale di rilevanza a piccole dosi.

92. Alt tag (per link di immagini): l’alt tag funge da anchor text per le immagini.

93. Link dai domini .edu o .gov: Matt Cutts ha affermato che il TLD (Top Level Domain) non tiene conto dell’importanza di un sito. E Google ha detto che “ignorano” molti link Edu. Tuttavia, ciò non impedisce ai SEO di pensare che ci sia un posto speciale nell’algoritmo per i TLD .gov e .edu.

94. Autorità della pagina da cui si riceve il link: l’autorità (PageRank) della pagina di riferimento è stata un fattore di posizionamento estremamente importante sin dai primi giorni di Google e lo è ancora.

95. Autorità del dominio da cui si riceve il link: l’autorità del dominio di riferimento può svolgere un ruolo indipendente nel valore di un backlink.

96. Link da competitor: i link da altre pagine in classifica nella stessa SERP possono essere più preziosi per il posizionamento su google di una pagina per quella particolare parola chiave.

97. Link da siti Web “previsti“: sebbene speculativi, alcuni SEO ritengono che Google non si fiderà completamente del tuo sito web fino a quando non sarai linkato da una serie di siti “previsti” nel tuo settore.

98. Link da siti poco raccomandabili: i link dai siti “poco raccomandabili” possono danneggiare il tuo sito.

99. Guest posts: sebbene i backlink dai guest posts continuino a dare valore, probabilmente non sono così potenti come i veri collegamenti editoriali (inoltre, la pubblicazione “su larga scala” dei guest posts potrebbero risultare spammosi e danneggiare il tuo sito).

100. Link dagli annunci: secondo Google, i link dagli annunci non dovrebbero essere seguiti. Tuttavia, è probabile che Google sia in grado di identificare e filtrare i link seguiti dagli annunci.

101. Autorità della home page: ricevere link dalla home page di un altro può avere un’importanza speciale nella valutazione del peso di un link.

102. Link Nofollow: questo è uno degli argomenti più controversi nella SEO. La parola ufficiale di Google in materia è:

“In generale, non li seguiamo.”

Il che suggerisce che lo fanno … almeno in alcuni casi. Avere una certa percentuale di link nofollow può anche indicare un profilo link naturale o artificiale.

103. Diversità dei tipi di link: avere una percentuale innaturalmente elevata di link provenienti da un’unica fonte (ad es. Profili su forum, commenti su blog) può essere un segno di spam. D’altra parte, i link da diverse fonti sono un segno di una linkbuilding naturale.

104. Tag “sponsorizzati” o “UGC”: i link contrassegnati come “rel = sponsorizzato” o “rel = UGC” sono trattati in modo diverso rispetto ai normali link “dofollow” o rel = nofollow.

105. link contestuali: i link incorporati all’interno del contenuto di una pagina sono considerati più potenti dei link su una pagina vuota o trovati altrove sulla pagina.

posizionamento google

106. eccessivi reindirizzamenti 301 alla pagina: i backlink provenienti da reindirizzamenti 301 potrebbero diminuire il valore di PageRank

107. Link anchor text interni: avere link anchor text interni è un altro segnale di pertinenza. Detto questo, i link interni probabilmente hanno molto meno peso di anchor text proveniente da siti esterni.

108. Attribuzione del titolo del link: il titolo del link (il testo che appare quando si passa con il mouse su un link) può essere utilizzato anche come segnale di rilevanza debole.

109. TLD del Paese del dominio di riferimento: ottenere link da estensioni di dominio di primo livello specifiche del paese (.de, .it, .co.uk) può aiutarti a posizionarti meglio in quel paese.

110. Posizione dei link nei contenuti: i link all’inizio di un contenuto possono avere un peso leggermente maggiore rispetto ai link posizionati alla fine del contenuto.

111. Posizione del link sulla pagina: è importante dove appare un link su una pagina. In genere, un link incorporato nel contenuto di una pagina è più potente di un link nell’area a piè di pagina o nella barra laterale.

112. Pertinenza del dominio che linka il tuo sito: un link da un sito in una nicchia simile è significativamente più potente di un link da un sito che tratta argomenti completamente diversi.

113. Rilevanza a livello di pagina: un link da una pagina con argomenti pertinenti passa più valore.

114. Parola chiave nel titolo: a Google piacciono ulteriormente i link dalle pagine che contengono la parola chiave della tua pagina nel titolo (“Esperti che linkano ad altri esperti”).

115. Velocità di link positiva: un sito che ottiene tanti link velocemente (ma non un numero eccessivo di link o verranno considerati come spam) di solito ottiene un incremento SERP in quanto mostra che il tuo sito sta aumentando di popolarità.

posizionamento google

116. Velocità di link negativa: d’altro canto, una velocità di link negativa può ridurre significativamente il posizionamento su google in quanto è un segnale di popolarità decrescente.

117. Collegamenti da pagine “Hub”: l’algoritmo di Hilltop suggerisce che ottenere link da pagine che sono considerate le risorse migliori (o hub) su un determinato argomento ricevano un trattamento speciale.

118. Link da siti autorevoli: un link da un sito considerato un “sito autorevole” probabilmente ha più valore di un link da un sito piccolo, relativamente sconosciuto.

119. Link come fonte su Wikipedia: anche se i link sono nofollow, molti pensano che ottenere un link da Wikipedia ti dia un po ‘più di fiducia e autorità agli occhi dei motori di ricerca.

120: Co-occorrenze: le parole che tendono ad apparire intorno ai tuoi backlink aiutano a dire a Google di cosa tratta quella pagina.

posizionamento google

121. Età del Backlink : secondo un brevetto di Google, i link più vecchi hanno un potere di posizionamento maggiore rispetto ai backlink ricevuti di recente.

122. link da siti reali contro “Splog”: a causa della proliferazione dei blog network, Google probabilmente attribuisce più peso ai link provenienti da “siti reali” che da fake blog. Probabilmente usano segnali di interazione dell’utente per distinguere tra i due.

123. Profilo di link naturale: un sito con un profilo di link “naturale” si posizionerà in alto e sarà più duraturo negli aggiornamenti di uno che ha ovviamente utilizzato strategie black hat per creare i propri backlink.

124. Link reciproci: Google afferma che lo “scambio eccessivo di link” sia una pratica da evitare.

125. Link ai contenuti generati dall’utente: Google può identificare i contenuti generati dallo stesso utente rispetto ai contenuti pubblicati dal proprietario del sito effettivo. Ad esempio, sanno che un link dal blog ufficiale di WordPress.com è molto diverso da un link di besttoasterreviews.wordpress.com.

126. Link da redirect 301: i link da reindirizzamenti 301 possono perdere un po di valore rispetto a un link diretto. Tuttavia, Matt Cutts afferma che i 301 sono simili ai link diretti.

127. Utilizzo di Schema.org : le pagine che supportano i microformati possono posizionarsi sopra le pagine che ne sono sprovviste. Questo potrebbe essere un boost di posizionamento su google diretto o dato dal fatto che le pagine con microformattazione abbiano un CTR SERP più elevato:

posizionamento google

128. TrustRank del sito che ti linka: l’affidabilità del sito che linka il tuo determina quanto “TrustRank” ti viene passato.

129. Numero di link in uscita nella pagina: il PageRank non è infinito. Un backlink da una pagina con centinaia di link esterni passa meno PageRank rispetto a una pagina con una manciata di link in uscita.

130. Link dai forum: a causa dello spamming a livello industriale, Google può svalutare in modo significativo i link provenienti dai forum.

131: Conteggio delle parole del contenuto: un backlink proveniente da un post di 1000 parole è in genere più prezioso di un link all’interno di uno snippet di 25 parole.

132. Qualità del contenuto: i backlink da contenuti scritti in modo errato o non generano lo stesso valore dei link ricevuti da contenuti ben scritti.

133. Sitewide links: Matt Cutts ha confermato che i sitewide links (link presenti in ogni pagina di un sito) sono “compressi” per essere conteggiati come un singolo link.

Interazione dell’utente

134. RankBrain: RankBrain è l’algoritmo AI di Google. Molti credono che il suo scopo principale sia misurare il modo in cui gli utenti interagiscono con i risultati della SERP (e classificare i risultati di conseguenza).

135. Percentuale di clic organici per una parola chiave: Secondo Google, le pagine che vengono cliccate di più in CTR potrebbero ottenere un aumento nella SERP per quella particolare parola chiave.

136. CTR organico per tutte le parole chiave: il CTR organico di un sito per tutte le parole chiave per cui può essere posizionato può essere un segnale positivo di interazione umana (in altre parole, un “punteggio di qualità” per i risultati organici).

137. Frequenza di rimbalzo: non tutti i SEO concordano sulla frequenza di rimbalzo, ma potrebbe essere un modo per Google di utilizzare i propri utenti come tester di qualità (dopotutto, le pagine con una frequenza di rimbalzo elevata probabilmente non sono un ottimo risultato per quella parola chiave) . Inoltre, un recente studio di SEMRush ha trovato una correlazione tra frequenza di rimbalzo e posizionamento su Google.

posizionamento google

138. Traffico diretto: è stato confermato che Google utilizza i dati di Google Chrome per determinare quante persone visitano il sito (e con quale frequenza). I siti con molto traffico diretto sono probabilmente siti di qualità superiore rispetto ai siti che ottengono poco traffico diretto. In effetti, lo studio SEMRush che ho appena citato ha trovato una correlazione significativa tra traffico diretto e posizionamento su Google.

139: Traffico ripetuto: i siti con visitatori abituali possono ottenere un aumento del ranking di Google.

140. Pogosticking: “Pogosticking” è un tipo speciale di rimbalzo. In questo caso, l’utente fa clic su altri risultati della ricerca nel tentativo di trovare la risposta alla propria query.

posizionamento google

I risultati da cui le persone fanno “pogostick” possono ottenere un calo significativo nella SERP

141. Siti bloccati: Google ha interrotto questa funzione in Chrome. Tuttavia, Panda ha utilizzato questa funzione come segnale di qualità. Quindi Google può ancora utilizzarne una variante.

142. Segnalibri di Chrome: sappiamo che Google raccoglie i dati di utilizzo del browser Chrome. Le pagine che vengono aggiunte ai segnalibri in Chrome potrebbero ricevere degli incrementi di posizionamento.

143. Numero di commenti: le pagine con molti commenti possono essere un segnale di interazione e qualità da parte dell’utente. In effetti, un googler ha detto che i commenti possono aiutare “molto” nel posizionamento su google.

posizionamento goole

144. Tempo di permanenza: Google presta molta attenzione al “tempo di permanenza”: quanto tempo le persone trascorrono sulla tua pagina quando provengono da una ricerca di Google. Questo viene talvolta chiamato anche “clic lunghi contro clic brevi”. In breve: Google misura quanto tempo gli utenti di Google trascorrono sulla tua pagina. Più tempo viene trascorso, meglio è.

Regole speciali dell’algoritmo di Google

145. La query ha bisogno di freschezza: Google offre alle nuove pagine una spinta per determinate ricerche.

146. La query ha bisogno diversità: Google può aggiungere diversità a una SERP per parole chiave ambigue, come “Ted”, “WWF” o “ruby”.

147. Cronologia visite utente: probabilmente lo hai notato tu stesso: i siti web che visiti spesso ricevono un incremento SERP per le tue ricerche.

148. Cronologia ricerche utente: la catena di ricerca influenza i risultati della ricerca per le ricerche successive. Ad esempio, se cerchi “recensioni” e poi cerchi “tostapane”, è più probabile che Google classifichi i siti di recensioni di tostapane più in alto nelle SERP.

149. Snippet in primo piano: secondo uno studio di SEMRush, Google sceglie il contenuto di snippet in base a una combinazione di lunghezza del contenuto, formattazione, autorità della pagina e utilizzo di HTTPs.

150. Targeting geografico: Google privilegia i siti con un IP del server locale e l’estensione del nome di dominio specifica del Paese.

151. Ricerca sicura: i risultati di ricerca con parolacce o contenuti per adulti non verranno visualizzati per le persone con la ricerca sicura attivata.

152. Parole chiave “YMYL”: Google ha standard di qualità dei contenuti più elevati per le parole chiave “Your Money or Your Life”.

153. Reclami DMCA: Google “declassifica” le pagine con reclami DMCA. (richiesta di cancellazione del risultato)

154. Diversità dei domini: il cosiddetto “aggiornamento Bigfoot” ha aggiunto più domini a ciascuna pagina SERP.

155. Ricerche transazionali: Google a volte visualizza risultati diversi per le parole chiave correlate allo shopping, come le ricerche di voli.

posizionamento google

156. Ricerche locali: per le ricerche locali, Google posiziona spesso i risultati locali sopra le SERP organiche “normali”.

157. Top stories box: alcune parole chiave attivano un top stories box:

158. Preferenza per i grandi brand: dopo l’aggiornamento Vince, Google ha iniziato a dare una spinta ai grandi brand per determinate parole chiave.

159. Risultati shopping: Google a volte mostra i risultati di Google Shopping in SERP organiche:

posizionamento google

160. Risultati delle immagini: le immagini di Google a volte compaiono nei normali risultati di ricerca organici.

161. Risultati easter egg: Google ha una dozzina di risultati easter egg. Ad esempio, quando cerchi “Atari Breakout” nella ricerca di immagini di Google, i risultati della ricerca si trasformano in un gioco giocabile (!).

162. Singolo sito per ricerca del brand: parole chiave orientate al dominio o al marchio generano diversi risultati dallo stesso sito.

163. Payday loand update: questo è un algoritmo speciale progettato per ripulire le query molto “spammose”.

Segnali di brand

164. Brand anchor text: il nome del brand come anchor text è un segnale di brand semplice ma forte.

165. Ricerche di brand: le persone cercano i brand. Se le persone cercano il tuo brand su Google, questo mostra a Google che il tuo sito è un vero brand.

166. Brand + Ricerche per parole chiave: le persone cercano una parola chiave specifica insieme al tuo brand (ad esempio: “Socialbooster fattori di posizionamneto google” o “Socialbooster SEO”)? In tal caso, Google potrebbe fornirti un aumento nelle classifiche quando gli utenti cercano la versione senza brand di quella parola chiave su Google.

167. Il sito ha una pagina social: i brand tendono ad avere pagine social con molti mi piace.

168. Legittimità degli account sui social media: un account sui social media con 10.000 follower e 2 post è probabilmente interpretato in modo molto diverso rispetto a un altro account forte da 10.000 follower con molto engagement. In effetti, Google ha depositato un brevetto per determinare se gli account dei social media sono reali o falsi.

169. Menzioni del brand sulle top stories: i brand di grandi dimensioni vengono sempre citati sui siti delle top stories. In effetti, alcuni brand hanno persino un feed di notizie dal proprio sito web, sulla prima pagina:

170. Location dell’azienda: le imprese reali hanno uffici. È possibile che Google richieda i dati sulla posizione per determinare se un sito è un grande brand.

Fattori di spam on-site

171. Panda Penalty: i siti con contenuti di bassa qualità sono meno visibili nella ricerca dopo essere stati colpiti da una penalità Panda.

172. Link a siti di bassa qualità: avere dei link verso siti di bassa qualità, può danneggiare la visibilità delle ricerche.

173. Reindirizzamenti: i reindirizzamenti “illegali” sono un grande problema. Se verrai beccato da Google, il sito non sarà solo penalizzato, ma de-indicizzato.

174. Popup o “annunci distraenti”: il documento ufficiale sulle linee guida di Google afferma che i popup e gli annunci distraenti sono un segno di un sito di bassa qualità.

175. Popup invasivi: Google può penalizzare i siti che mostrano popup “invasivi” a tutta pagina agli utenti di dispositivi mobile.

176. Ottimizzazione eccessiva del sito: Sì, Google penalizza le persone per l’ottimizzazione eccessiva del sito. Ciò include: riempimento di parole chiave, riempimento di tag di intestazione, eccessiva decorazione di parole chiave.

177. Contenuti senza senso: un brevetto di Google delinea come Google può identificare i contenuti “senza senso”, che è utile per filtrare i contenuti tradotti male o autogenerati dalla SERP.

178. Pagine Doorway: Google vuole che la pagina che mostri a Google sia la pagina che l’utente alla fine vede. Se la tua pagina reindirizza le persone ad un’altra pagina, si tratta di una “Pagina Doorway”. Inutile dire che a Google non piacciono i siti che usano le pagine Doorway.

179. Annunci above the fold: l’algoritmo del layout di pagina penalizza i siti con molti annunci (e non molto contenuto) above the fold.

180. Nascondere i link di affiliazione: cercare di nascondere i link di affiliazione (specialmente con il cloaking) può comportare una penalità.

181. Fred: un soprannome dato a una serie di aggiornamenti di Google a partire dal 2017. Secondo Search Engine Land, Fred “prende di mira siti di contenuti di basso valore che mettono le entrate al di sopra dei propri utenti”.

182. Siti di affiiazione: non è un segreto che Google non sia il più grande fan degli affiliati. E molti pensano che i siti che monetizzano con i programmi di affiliazione siano sottoposti a ulteriori controlli.

183. Contenuti generati automaticamente: Google odia comprensibilmente i contenuti generati automaticamente. Se sospettano che il tuo sito stia pompando contenuti generati dal computer, potrebbe comportare una sanzione o una deindicizzazione.

184. PageRank sculpting: il PageRank sculpting è una pratica che è stata bloccata da google, continuare ad usarla può essere penalizzante.

185. Indirizzo IP contrassegnato come spam: se l’indirizzo IP del tuo server è contrassegnato per lo spam, potrebbe interessare tutti i siti su quel server.

186. Spamming dei meta tag: il riempimento eccessivo delle parole chiave può verificarsi anche nei metatag. Se Google pensa che stai aggiungendo parole chiave al tuo titolo e tag nel tentativo di aggirare l’algoritmo, potrebbe colpire il tuo sito con una penalità.

Fattori di spam off-site

187. Sito hackerato: se il tuo sito viene hackerato, può essere eliminato dai risultati della ricerca. In effetti, Search Engine Land è stato completato deindicizzato dopo che Google ha pensato che fosse stato hackerato.

188. Afflusso innaturale di link: un afflusso improvviso (e innaturale) di link è un segno sicuro di link falsi.

189. Penguin penalty: i siti colpiti da Google Penguin sono significativamente meno visibili nella ricerca. Anche se, a quanto pare, Penguin ora si concentra maggiormente sul filtraggio dei link errati anziché sulla penalizzazione di interi siti Web.

190. Profilo di link con alta percentuale di link di bassa qualità: Un sacco di link da fonti comunemente utilizzate dai SEO black hat (come commenti sul blog e profili del forum) possono essere un segno di aggiramento del sistema.

191. link da siti web non correlati: un’alta percentuale di link a ritroso da siti con argomenti non correlati può aumentare le probabilità di una sanzione manuale.

192. Avviso di link non naturali: Google ha inviato migliaia di messaggi “Avviso di Google Search Console di link non naturali rilevati”. Questo di solito precede un calo del ranking, anche se non il 100% delle volte.

193. Link a directory di bassa qualità: Secondo Google, i backlink di directory di bassa qualità possono comportare una sanzione.

194. Link widget: Google aggrotta le sopracciglia sui link che vengono generati automaticamente quando l’utente incorpora un “widget” sul proprio sito.

195. Link dallo stesso IP di classe C: ottenere una quantità innaturale di link da siti sullo stesso IP del server può aiutare Google a determinare che i tuoi link provengono da una rete di blog.

196. Link Spike innaturale: un brevetto di Google del 2013 descrive come Google può identificare se un afflusso di link a una pagina è legittimo. I link innaturali possono essere svalutati.

197. Link da articoli e comunicati stampa: le directory degli articoli e i comunicati stampa sono stati abusati al punto che Google ora considera queste due strategie di linkbuilding uno “schema di link” in molti casi.

198. Azioni manuali: ce ne sono diversi tipi, ma la maggior parte sono legati alla linkbuilding black hat.

199. Vendere Link: essere scoperti a vendere link può danneggiare la tua visibilità.

200. Google Sandbox: nuovi siti che ottengono un afflusso improvviso di link vengono talvolta inseriti in Google Sandbox, il che limita temporaneamente la visibilità della ricerca.

201. Google Dance: Google Dance può scuotere temporaneamente le classifiche. Secondo un brevetto di Google, questo potrebbe essere un modo per determinare se un sito sta tentando o meno di fregare l’algoritmo.

202. Strumento Disavow: l’uso dello strumento Disavow può rimuovere una sanzione manuale o algoritmica per i siti che sono stati vittime di SEO negativo.

203. Richiesta di riconsiderazione: una richiesta di riconsiderazione corretta può rimuovere una penalità.

204. Schemi di link temporanei: Google ha attirato l’attenzione di persone che creano e rimuovono rapidamente link spam. Conosciuto anche come schema di link temporaneo.

Conclusioni

Per riassumere, ecco i più importanti fattori di ranking di Google nel 2020:

  • Domini di riferimento
  • Percentuale di clic organica
  • Domain authority
  • Usabilità da mobile
  • Tempo di permanenza
  • Numero totale di backlink
  • Qualità del contenuto
  • Seo on-page