Cosa sono i bitcoin e come funzionano

cosa sono i bitcoin e come funzionano
cosa sono i bitcoin

Cosa sono i bitcoin

Bitcoin è una valuta digitale creata nel gennaio 2009 in seguito al crollo del mercato immobiliare. Segue le idee pubblicate su metzdowd.com del misterioso pseudonimo Satoshi Nakamoto.

L’identità della persona o delle persone che hanno creato questa tecnologia è ancora un mistero. Bitcoin offre la promessa di commissioni di transazione inferiori rispetto ai tradizionali meccanismi di pagamento online ed è gestito da un’autorità decentralizzata, a differenza delle valute emesse dal governo.

Non esistono BTC fisici, esistono solo dei conti online tenuti su un libro mastro pubblico a cui tutti hanno accesso libero, e che – insieme a tutte le transazioni Bitcoins – è verificato da un’enorme quantità di potenza di calcolo. I BTC non sono emessi o supportati da banche o governi. Nonostante non abbia corso legale, Bitcoin è molto popolare e ha innescato il lancio di centinaia di altre criptovalute denominate collettivamente Altcoin.

Capire Bitcoin

Bitcoin è una raccolta di computer, o nodi, che eseguono tutti il ​​codice di Bitcoins e memorizzano la sua blockchain.

Puoi pensare alla blockchain come una raccolta di blocchi. Ogni blocco contiene una raccolta di transazioni. Poiché tutti questi computer che eseguono la blockchain hanno lo stesso elenco di blocchi e transazioni e possono vedere in modo trasparente questi nuovi blocchi riempiti con nuove transazioni Bitcoin, nessuno può ingannare il sistema.

Chiunque, che gestisca o meno un “nodo” BTC, può vedere queste transazioni avvenire in tempo reale. Per poter far fallire bitcoin, un singolo individuo dovrebbe possedere il 51% della potenza di calcolo che compone i bitcoins. Bitcoin ha raggiunto 47.000 nodi a maggio 2020 e questo numero è in crescita, rendendo un simile attacco abbastanza improbabile.

per maggiori dettagli ti consiglio questo video:

I saldi dei token BTC vengono mantenuti utilizzando “chiavipubbliche e private, che in pratica sono delle lunghe stringhe di numeri e lettere collegate tra loro tramite l’algoritmo di crittografia matematica utilizzato per crearle.

La chiave pubblica (paragonabile ad un numero di conto bancario) funge da indirizzo che viene reso pubblico e al quale altri possono inviare bitcoins.

La chiave privata (paragonabile ad un PIN ATM) è pensata per essere un codice segreto custodito e utilizzato solo per autorizzare le trasmissioni di BTC.

Le chiavi non devono essere confuse con un portafoglio Bitcoin, che è un dispositivo fisico o digitale che facilita il trading di BTC e consente agli utenti di tenere traccia delle proprie criptomonete.

Il termine “portafoglio” è un po ‘fuorviante, poiché la natura decentralizzata di Bitcoin significa che non viene mai inserito “dentro” un portafoglio, ma piuttosto in modo decentralizzato su una blockchain.

Nota: secondo la Bitcoin Foundation ufficiale, con la parola “Bitcoin” in maiuscolo ci si riferisce all’entità o al concetto, mentre “bitcoin” scritto in minuscolo va usato quando ci si riferisce ad una quantità di valuta (es. “ho scambiato 20 bitcoin “) o le unità stesse. La forma plurale può essere sia “bitcoin” che “bitcoins”. Bitcoin può anche essere abbreviato come “BTC“.

Come funziona Bitcoin

Bitcoin è una delle prime valute digitali ad utilizzare la tecnologia peer-to-peer per facilitare i pagamenti istantanei.

Gli individui e le aziende indipendenti che possiedono la potenza di calcolo e partecipano alla rete Bitcoin, sono composti da nodi o miner. I “miner“, o le persone che elaborano le transazioni sulla blockchain, sono motivati ​​dai premi (il rilascio di nuovi bitcoin) e dalle commissioni di transazione pagate in BTC.

Questi miner possono essere considerati l’autorità decentralizzata che impone la credibilità della rete Bitcoin. I nuovi bitcoins vengono rilasciati ai miners a un tasso fisso, ma periodicamente in calo, in modo tale che l’offerta totale di BTC raggiunga un limite di 21 milioni.

Da luglio 2020, rimangono solo circa 3 milioni di BTC che devono ancora essere estratti. In questo modo, BTC (e qualsiasi criptovaluta generata attraverso un processo simile) funziona in modo diverso dalle valute dei sistemi bancari centralizzati, la valuta viene rilasciata a un tasso corrispondente alla crescita dei beni nel tentativo di mantenere i prezzi stabili, mentre un sistema decentralizzato come Bitcoin imposta il tasso di rilascio in anticipo e secondo un algoritmo.

Il mining di BTC è il processo mediante il quale i bitcoin vengono rilasciati in circolazione. Generalmente, il mining richiede la risoluzione di enigmi di calcolo molto difficili per creare un nuovo blocco, che viene aggiunto alla blockchain.

Contribuendo alla costruzione della blockchain, il mining aggiunge e verifica i record delle transazioni attraverso la rete. Per l’aggiunta di blocchi alla blockchain, i miner ricevono una ricompensa sotto forma di pochi bitcoins; la ricompensa viene dimezzata ogni 210.000 blocchi.La ricompensa di ogni blocco era di 50 nuovi bitcoins nel 2009, L’ultimo halving l’11 maggio 2020 ha portato la ricompensa per ogni blocco a 6,25 bitcoins.

È possibile utilizzare una varietà di hardware per estrarre BTC, ma alcuni producono ricompense maggiori rispetto ad altri. Alcuni chip per computer chiamati ASIC (Application-Specific Integrated Circuits) e unità di elaborazione più avanzate come le unità di elaborazione grafica (GPU) possono dare più vantaggi. Questi elaborati processori minerari sono noti come “mining rigs“.

Un BTC è divisibile con otto cifre decimali (100 milionesimi di un bitcoin) e questa unità più piccola è indicata come Satoshi. Se necessario, e se i minatori partecipanti accettano la modifica, Bitcoin potrebbe eventualmente essere reso divisibile in cifre ancora più decimali.

Come ha avuto inizio BTC

18 agosto 2008: il nome di dominio bitcoin.org viene registrato. Ancora oggi questo dominio è “WhoisGuard Protected“, il che significa che l’identità della persona che lo ha registrato non è un’informazione pubblica.

31 ottobre 2008: una persona o un gruppo di persone sotto il nickname Satoshi Nakamoto annunciano il progetto bitcoin sulla mailing list di The Cryptography su metzdowd.com

3 gennaio 2009: viene estratto il primo blocco Bitcoin, il blocco 0. Questo è anche noto come “blocco della genesi” e contiene il testo: “The Times 03/Jan/2009 Chancellor on brink of second bailout for banks“, forse come prova che il blocco è stato estratto a partire da quella data, e forse anche come commento politico rilevante.

8 gennaio 2009: la prima versione del software BTC viene annunciata sulla mailing list di The Cryptography.

9 gennaio 2009: Viene estratto il blocco 1 e l’estrazione di BTC inizia sul serio.

Continua ad imparare il Trading Strategico con i nostri articoli sulle strategie nella sezione scuola di trading.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *